Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Cantar Maggio
Calendimaggio a Casal Cermelli

Cantar Maggio

E-mail Stampa

A Casal Cermelli il Calendimaggio si festeggia da sempre: questa festa, giunta a noi sembra da antichi riti celtici, è dedicata al risveglio della natura e come buon augurio per la stagione a venire. Il Calendimaggio onora arbusti e alberi in fiore, che nell’antica cultura celtica erano oggetto di culto. A Portanova fino ai primi anni del 1900 i bambini andavano di casa in casa, cantando ritornelli per ricevere spiccioli o dolci. Come in diversi paesi del Piemonte sud-occidentale durante questa ricorrenza si posizionava un alto albero dal fusto diritto davanti alla chiesa parrocchiale. A Casal Cermelli la tradizione, che non si è mai spenta, ha visto girare di casa in casa a cantare prima le bambine e solo dal secondo dopoguerra in poi anche i maschietti. I bambini, vestiti da contadinelli, indossano un cappello fiorito e portano un ramo in fiore di “busrēii” [biancospino] adornato con fiocchi, un uccellino di pezza ed una bambolina dal vestitino marrone e con le scarpette bianche.


Entrùma an tìss palàŝi che l’è csi bél antré
Ai djoma a ŗa padróuna c’am làŝa an pó canté

Mağ Mağ Mağ turnarrà ŗa féin ad’Mağ

Io sono maggio e sono il più bello
fiorellin d’amor che porto sul cappello
e l’uccelin ch’il cònta an sulla rama

Siùra padróuna, padróuna diŗ pulé
C’am dàga i’óvi fröschi e i lènd cà’i làŝa sté

Mağl Mağ Mağ turnarrà ŗa féin ad’Mağ

E s’in voi nènt cröddi che Mağ a l’è rivà
Sfacév da cùla fnèstra ch’il vigarrèi piantà

Vardé sa bèla buàta an sìma diŗ busrēii
Ca l’ha il scarpötti biònchi e ŗa vésta maruchēii

Scarica lo spartito

download_pdf

 

Forse non tutti sanno che....