Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina

I dì dŗa merla - I giorni della Merla

E-mail Stampa

I dì dŗa merla

Merlo biancoMerlo nero‘Na vóta, i divu i vég  genàij, l’ava ammàchi ventot dì e fébrai un’ava anvéci  trantēii. Semper i vég i divu che a cui temp i merl i ieru biònc cmé la fioca e genàij il meis pi gràm dl’invèrn. Il prim meis ad l’ani l’éra dispetus e ui piasiva fé tribilé i’òmi e iŗ bèstij. Us divertiva a scuraté ŗa merla e’i sò merlòt,  ogni vóta che sa povra bestia a surtiva da u’nì per sirché da mangé genàij u i’anversava an spali, ventri, fióca,  frég, giasa e nebia. Nebia acsì sciàsia che u s’aughiva  nènt a in meter dau nas.  Ma in ani, ŗa merla stufa ad ciapé dra frégg a s’era scundia ansema an cui merlot,  an tu so ni, a s’éra migiaja roba da mangé par tit iŗ meis. 


Finì genàij, l’era surtìa fóra daù nì e sighira che iŗ pés l’era pasà, la piava angir genàij. A stà vota at’lhó propì fàcia, tài finì ad fém żré ŗa cóua a na parlóma a st’an cuen. E la cuntinuava a piél an gir e ai nà diva ad tìč i culur. Genàij, che c’me ca vó sà dìč, anlura l’ava ampéina véntvuót dì l’ha ciamà febrai cu stava par rivé e u ia dìč se per piasì ui lasava in para di sói dì. Febrai,  cl’éra in meis chét e brav e poi l’ava da fe na cumisiöu, ad dì, ui na lasà trei e genàij truòndsi  turna an pista, l’ha tacà a tré żì fioca e ventri e giasa e nebia di e nòč tónt che ŗa merla truóndsi spaisaia, per nent murì drà frég a s’è anfiraia ansema an cui merlòt andrenta d’in camēii e ajera armaża per trèi dì fina a l’ariv ad febrai, cl’ava sibìt purtà n’a bela giurnà ad sù. Ŗa merla vìst cu fava pì cula gran frégg a s’era decisa a sorti dal camēii,  ma la so bela piima bionca l’era tita ancanisaia e l’era amnia neira c’me l’avlì. Da anlura i’ultim tréi dì ad genàij i söu semper i pì frég e cativ e i merl i söu armas nei c’me la canìsu.

 

I giorni della merla

Un tempo, raccontavano gli anziani, gennaio aveva solo ventotto giorni e febbraio invece ne aveva trentuno. Sempre gli anziani raccontavano che i merli erano bianchi come la neve e gennaio il mese più cattivo dell’inverno. Il primo mese dell’anno era dispettoso e gli piaceva a far tribolare gli uomini e gli animali. Si divertiva a strapazzare la merla ed i suoi piccoli, ogni volta che quella povera bestia usciva dal nido per cercare cibo, gennaio gli riversava addosso vento, neve, freddo, ghiaccio e nebbia. Nebbia talmente fitta che non si vedeva ad un metro dal naso. Ma un anno, la merla stanca di prendere del freddo, si era nascosta assieme con i piccoli nel suo nido, dove aveva fatto provvista di cibo per tutto il mese. Terminato gennaio, era uscita dal nido sicura che il peggio era passato e cominciò a prendere in giro gennaio. Questa volta te l’ho proprio fatta, hai finito di farmi gelare la coda, ne riparleremo l’anno prossimo. E continuava a burlarsi di gennaio dicendogliene di tutti i colori. Gennaio, che come vi ho già detto, allora aveva appena 28 giorni, chiamò febbraio che stava per arrivare e gli disse se per favore poteva prestargli un paio dei suoi giorni. Febbraio che era un mese calmo e buono e poi aveva da sbrigare delle commissioni, di giorni gliene lasciò tre e gennaio trovandosi nuovamente in gara, cominciò a buttar giù neve e ghiaccio e vento e nebbia giorno e notte , prendendo di sorpresa la merla che andò a rifugiarsi in un comignolo con i suoi piccoli e lì era rimasta per tre giorni fino all’arrivo di febbraio, che aveva subito portato una bella giornata di sole. La merla visto che non faceva più tanto freddo, decise di uscire dal comignolo ma il bel candido piumaggio si era  sporcato di fuliggine ed era diventato nero come il velluto. Da allora gli ultimi tre giorni di gennaio, sono sempre stati i più freddi ecattivi ed i merli sono rimasti neri come la fuliggine. 

 

Forse non tutti sanno che....