Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Detti e proverbi I proverbi di Casal Cermelli - aprile

I proverbi di Casal Cermelli - aprile

E-mail Stampa

1 APRILE

Iēii, dui e trèi avrì: i màrcu iŗ tèmp par trònta dì
L’uno, il due ed il tre aprile segnano il tempo per tutti i trenta giorni



2 APRILE

Avrì iŗ gingiòuni is dón da dì, ma a tèmp diŗ vij i söu rusēii
Ad aprile le gocce che scendono dai tetti (senza grondaie) si susseguono in continuazione ma a tempo del vino sono veri rigagnoli



3 APRILE

An tla prìma tit cul cu trà ŗa tèsta il va bèi da fé l’amnèstra
In primavera ogni erba che spunta va bene da far la minestra

Il vàr pi tònt in bón nóm che tìč i sód diŗ mónd
Ha più valore un buon nome che tutti i soldi del mondo



4 APRILE

Vàrti dai cöu rabiùss e da i óm suspetùss
Stai attento ai cani rabbiosi e agli uomini sospettosi



5 APRILE

Vàrti da ŗa pèst, da ŗa guèra e da i òm chi vàrdu an tèra
Stai attento alla peste, alla guerra e agli uomini che guardano per terra



6 APRILE

U iè nēii auté sènsa cruż
Non c’è nessun altare senza croce



7 APRILE

U stà pì bèi in ràt an bùca an gàt che in cliènt antìŗ möu a in avucàt
Sta meglio un topo in bocca al gatto che un cliente in mano all’avvocato



8 APRILE

Ŗa prima as perdóuna, ŗa sgónda as’bastóuna
La prima si perdona, la seconda si bastona



9 APRILE

Quònd che i bò in vóru nènt lauré un bàsta nènt ciflé
Quando i buoi non vogliono lavorare non basta fischiare

Adèss ai sóma nùi’òuč antra giuiéra
Adesso ci siamo noi in prima fila



10 APRILE

La vàr pì tònt l’ónmbŗa d’in véğ che ŗa presènsa d’in giùu
Vale di più l’ombra di un vecchio che la presenza di un giovane



11 APRILE

L’amìss dŗa bunàŝa àntŗa buràsca ut làŝa
L’amico della bonaccia nella burrasca ti abbandona



12 APRILE

Cul ch’il vó tònč amìss cu nan próva pòic
Chi vuol tanti amici ne metta alla prova pochi

Vàrti da ŗa lòsna, dal vènt e dal frà fór dal cunvènt
Stai attento al lampo, al vento e al frate fuori dal convento



13 APRILE

In ażu u tróva dlónc in autr’ażu cui cùra a dré
Un asino trova sempre un altro asino che gli corre dietro

Dlónc bèi uss pó nènt sté
Non si puó stare sempre bene



14 APRILE

In sun nènt böu a fé in ó mònc an cun in turtró
Non sono capaci a fare una O neanche con l’imbuto



15 APRILE

Tònta cà da stéi an sùsta e tònta tèra a vista d’óğ
Tanta casa da starci al riparo e tanta terra a vista d’occhio



16 APRILE    

Chi ch’il vènd l’aliàm il càta i pióğ
Chi vende il letame compra pidocchi

Meż’àn e iŗ chì il fa da scàgn
Sei mesi e al neonato il sedere fa già da sgabello



17 APRILE

Dal mùr uss cugnöss iŗ vìŝi
Dalla faccia si riconosce il vizio



18 APRILE

A la guèra uss và dlónc an cun dùi sàc
In guerra si va sempre con due sacchi

Trè scarnèbij i fón in éua, trè éui in tempuràl e trè fèsti da bàl na catìva dòna
Tre scarnebbie fanno una pioggia, tre piogge un temporale e tre feste da ballo una cattiva donna



19 APRILE

La vàr pì na maŝà che sènt martlà
Vale di più una mazzata che cento martellate


20 APRILE

Chi c’un sà nènt a tàżi un sà mònc a parlé
Chi non sa tacere non sa neanche parlare



21 APRILE

Quònd che u dutùr u dìż ad sté tranquìl a l’è iŗ mumènt d’agitéŝi
Quando il dottore dice di star tranquilli è il momento di agitarsi

Il masnà tìč i dì i bétu sì in ónża d’càrn e na lìbra d’malìsia
I bambini tutti i giorni crescono di un’oncia di carne e di una libbra di malizia



22 APRILE

Antònt che u dutùr ui pènsa iŗ malàvi il mór
Intanto che il dottore pensa il malato muore



23 APRILE

Se ŗa vésta diŗ maŝé l’è bugiàia cula diŗ padröu l’è maciàia
Se l’abito del mezzadro è bucato, quello del padrone è macchiato

Ubsó nènt dì quàt fin ché iŗ gröu u nè an tu sàc
Non bisogna dire 4 finchè il grano non è nel sacco

Da San Màrc a San Żórż ui s-cióda ŗa smènsa fórt
Da S. Giorgio a S. Marco (anche se in dialetto è l’opposto) schiudono le uova migliori dei bachi di seta



24 APRILE

Quònd che ŗa mèrda la mónta u scàgn o cla spìŝa o cla dà dàgn
Quando il letame sale sullo scagno o che puzza o che fa danno

Ui l’ha pi dìr in prévi quònd c’ul rònca che in urtlöu quònd c’ul piònta
Ce l’ha più duro un prete quando lo toglie che un ortolano quando lo pianta



25 APRILE

Chi si dedica alla bachicoltura cerca sempre di far schiudere le uova dei “bigàt”, ovvero dei bachi da seta, in questo giorno.

A San Màrc i bigàt an prucesiöu
A San Marco i bachi da seta in processione

San Marculēii fa cui s-cióda i cucalēii
San Marco fa che schiudano le larve dei bachi



26 APRILE

Na bóuna cusciènsa l’è in còmud cuŝēii
Una buona coscienza è un comodo cuscino



27 APRILE

Quònd che iŗ chì il vén frìst i Pàter Nòster i vénu gìst
Quando la situazione si fa brutta le preghiere si recitano volentieri

L’amé uss fa lapé, l’afé uss fa spiué
Il miele si fa leccare e il fiele si fa sputare



28 APRILE

Chi cal càla, chi cal mónta, chi chìl guadàgna e chi cui giónta
Chi scende, chi sale, chi ci guadagna e chi ci rimette



29 APRILE    

Avrì bagnà: pöu par tìt l’anà
Aprile bagnato: pane per tutta l’annata

A fé na cà an piàŝa o c’as fa tròp òuta o tròp bàŝa
Una casa costruita in piazza per la gente o è troppo alta o è troppo bassa



30 APRILE

Avrì il fà ammà trònta, ma sìl piuvìŝa par trontìn dì mònc iēii l’avrèiŝa nènt da dì
Aprile ha solo 30 giorni ma se piovesse per 31 nessuno avrebbe da lamentarsi

 

 
Banner

Forse non tutti sanno che....