Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Detti e proverbi I proverbi di Casal Cermelli - maggio

I proverbi di Casal Cermelli - maggio

E-mail Stampa

1 MAGGIO    

Mağ urtlöu tònta pàia e póc gröu
Maggio ortolano (piovoso) tanta paglia e poco grano



2 MAGGIO    

A l’è méi in catìv acórdi che na bòuna sentènsa
È meglio un cattivo accordo che una buona sentenza



3 MAGGIO    

Éua a San Flìp maŝé rìc
Acqua a San Filippo mezzadro ricco



4 MAGGIO    

Sil pióva a l’Ascensiöu, ŗa ròba ai bèi biröu
Se piove all’Ascensione tanta roba da poter fare grosse andane



5 MAGGIO    

A San Piu u spì uss dà da dì: “A noi!!!”
A San Pio la spiga del grano si presenta: “A noi!!!”



6 MAGGIO    

I’amìss i dìru fina a quòndi ant pèrdi nènt ŗa ciàv dŗa cànmua
Gli amici durano fino a quando non perdi la chiave della cantina

Ŗa dòna clè bóuna a vìghi, a sènti e a tàż la téna iŗ mónd an pàż
La donna in grado di vedere, ascoltare e tacere tiene il mondo in pace



7 MAGGIO    

Ŗa tròpa cunfidènsa la gàva ŗa riverènsa
La troppa confidenza toglie la riverenza



8 MAGGIO    

A paghé débit uss guadagna crédit
A pagar debito si guadagna credito



9 MAGGIO    

Cul cus paga an cui sód u nè nènt caristiùss
Quello che si paga coi soldi non è caro

U töč ui dìsa al padröu: o che t’véni sì töi o ca vén möi da bàss
Il tetto dice al padrone: o vieni su tu o vengo giù io



10 MAGGIO    

An cun iŗ lingéri iŗ galantóm il fa ŗa fighìra diŗ cuiöu
In compagnia dei poco di buono il gentiluomo fa la figura dello scemo



11 MAGGIO    

Su i mònca ŗa cunisiöu un vàr nènt ad fé d’quistiöu
Se manca il buon senso non serve fare discussioni

Ŗa diéta tìč i mà ŗa chéta
La dieta lenisce ogni male



12 MAGGIO    

I stràss véğ i sun dlónc antl’aria
Gli stracci vecchi sono sempre pronti all’uso

Se t’hài l’amàr an bùca ant pói nènt spiué dùss
Se hai l’amaro in bocca non puoi sputare dolce



13 MAGGIO    

Ŗa tempèsta l’an pórta nènt d’carestöia, ma guai a chi c’ai tùca
La tempesta non porta carestia ma guai a chi gli tocca



14 MAGGIO    

Par fé in böu matrimóni u i và in’òmi uèc e na dòna bùrgna
Per fare un buon matrimonio ci vuole un uomo sordo e una donna cieca



15 MAGGIO    

Ŗa tempèsta d’Mağ la pórta vöia vij, pöu e firmàğ
La tempesta di maggio porta via vino, pane e formaggio



16 MAGGIO    

L’óv il vén dal bèc
L’uovo viene dal becco



17 MAGGIO    

Ubsó iéŝi böu a plé ŗa pùla sènsa féla crié
Bisogna essere capaci a spelare la tacchina senza farla gridare

Slà paŝà l’Urba il pàŝa anche l’Urbżéla
Se ha passato l’Orba passerà anche l’Orbicella
(passata la difficoltà grossa si passa anche quella piccola)



18 MAGGIO    

Àntŗa prèŝia fà adażi
Nella fretta fai adagio



19 MAGGIO    

U sàc u dà se clà
Il sacco da’ quello che ha

A ŗa màŝa ui va pì vidé che mònż, ma i mònż i vón tìč
Al macello finiscono più vitelli che manzi, ma i manzi ci vanno tutti



20 MAGGIO    

Anàda da érba: anàda da mérda
Annata da erba annata di m...



21 MAGGIO    

A vèndi ŗa vaca e a téni iŗ vidé uss ha iŗ sirvél an sil capé
A vendere la vacca e a tenere il vitello si ha il cervello sul cappello



22 MAGGIO    

Ŗa sigùla la fa piònżi e la fa röij
La cipolla fa piangere e ridere
(durante il taglio fa lacrimare, come fa lacrimare e ridere per l’oscillazione dei prezzi al mercato)



23 MAGGIO    

Dùi traversdì ad cul böu l’è in bél pè antìŗ chì al medicöu
Due dita di vino buono è un bel calcio nel sedere al dottore



24 MAGGIO    

La mòngia pi tònt na galèina cla scràpa che déż chi mìgiu
Mangia di più una gallina che raspa che dieci che ammucchiano



25 MAGGIO    

Dùi dì ad cùl böu e l’éua cla vàga a l’Argnöu
Due dita di vino buono e l’acqua (attraverso l’Orbicella) fa che vada fino all’Argnone



26 MAGGIO    

Ŗa pulènta la và quàter vóti bèi: la và d’amnèstra, l’ampìss ŗa pònsa, la và da pöu e la scòuda iŗ möu
La polenta va bene 4 volte: come primo piatto, sazia, come pane e scalda le mani

Quònd chìl piòv a San Flìp iŗ vignaió uss fa rìc
Quando piove a S. Filippo il vignaiuolo si arricchisce



27 MAGGIO    

L’unica dòna a savèi davònda clè u sò òmi a ŗa sèira l’è ŗa vìdua
L’unica donna che sa dove si trova il marito alla sera è la vedova

Iŗ cavà sènsa spröu l’è cmé na bàrca sènsa tmöu
Il cavallo (o la donna) senza speroni è come una barca senza timone



28 MAGGIO    

A l’è méi in “Andé” che sènt “Andóma”
È meglio un “Andare” che cento “Andiamo”



29 MAGGIO    

Uss ciàpa prima in balìsta che in fòl
Si prende prima un pallista che uno zoppo



30 MAGGIO    


Iŗ lèngui diŗ dòni e iŗ ciucàli d’meżdì i’ón mai finì
Le lingue delle donne e le campane di mezzogiorno non terminano mai



31 MAGGIO    

Cul cla fàč a Mağ ul farrà a Setèmber
Il tempo di maggio si ripete a settembre

Mağ lóng dal cól tórt u i nè nènta an cà e mònc antl’órt
Maggio lungo con temperatura variabile non c’è niente in casa e neanche nell’orto

 
Banner

Forse non tutti sanno che....