Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Detti e proverbi I proverbi di Casal Cermelli - agosto

I proverbi di Casal Cermelli - agosto

E-mail Stampa

1 AGOSTO

Agùst càp dl’invèrn
Agosto inizio dell’inverno

Par fé in afé ui và spèndi sènsa sgairé
Per fare un affare occorre spendere senza sprecare



2 AGOSTO

Fé iŗ bàl di cöu    
Fare il ballo dei cani (ovvero fare quello che si vuole in casa d’altri)



3 AGOSTO

Nèbia bàŝa bèl tèmp la làŝa
Nebbia bassa bel tempo lascia



4 AGOSTO

L’aria bóuna l’ampuverìss i dutùr
L’aria sana impoverisce i dottori



5 AGOSTO

U iè nēii istà sènsa mùschi
Non c’è estate senza mosche



6 AGOSTO

A saré iŗ gésij uss dróba iŗ parżöu
A chiudere le chiese si aprono le prigioni



7 AGOSTO

U diàu par diàu cu söia un pó nènt lughé iŗ córni
Il diavolo, per diavolo che sia, non può nascondere le corna



8 AGOSTO

Beata cùla cà clà in prévi an cà
Beata la casa che ha un prete in casa



9 AGOSTO

Dé tèmp a u tèmp e u sarrà pagatùr
Date tempo al tempo e sarà pagatore



Ubsó taché l’ażu da chìl vó iŗ padröu
Bisogna attaccare l’asino dove vuole il padrone



10 AGOSTO

A San Lurèns il pióva ancùra an tèmp
A S. Lorenzo piove ancora in tempo

A San Lurèns l’ìua as tèns
A S. Lorenzo l’uva prende colore



11 AGOSTO

Tìci i vóru vìghi i lùc an piàŝa basta ch’in söiu nènt dŗa só ràŝa
Tutti vogliono vedere i matti in piazza basta che non siano della loro famiglia



12 AGOSTO

U rancēii l’è cmé l’ażu: il pórta iŗ vij e il bèiva dl’éua
L’avaro è come l’asino: trasporta il vino ma beve acqua



13 AGOSTO

Chi cu nà iēii u nà mònc iēii, chi cu nà dù u nà iēii, chi cu nà trè u sa se clè
Chi ha 1 figlio è come se non ne avesse, chi ne ha 2 è come se ne avesse 1, chi ne ha 3 sa cosa vuol dire



14 AGOSTO

Dażmènt che ŗa dòna òuta a s’anchéina cùla cìta la żà alià ŗa faŝéina
Intanto che la donna alta si abbassa, quella piccola ha già legato la fascina



15 AGOSTO

Cul cl’è andàč e l’è amnì u ià bità trèi dì
Quello che è andato e venuto ci ha messo tre giorni



16 AGOSTO

D’avùst né dòna né mùst
Ad agosto nè donna nuova, nè mosto



17 AGOSTO

Ŗa supèrbia la pàrta a cavà e la véna andréra a pé
La superbia parte a cavallo e torna a piedi

A mangé ammà di pulàster ut vén cuèia d’pulènta
Mangiando solo polli ti viene voglia di polenta



18 AGOSTO

L’ażu cla fàm il mòngia fìna u stràm
L’asino affamato mangia perfino lo scarto del fieno impolverato



19 AGOSTO

Sét drómi ant’avùst drómi a tó cùst
Se dormi ad agosto dormi a tue spese

L’è u làrd véğ chìl cundìss l’amnèstra
È sempre il lardo dell’anno precedente a condire la minestra



20 AGOSTO

Éua a San Bernàrd: ma l’è żà tàrd
Acqua a S. Bernardo ma è già tardi



21 AGOSTO

Ŗa pulènta la mòngia i tiarēii
La polenta mangia gli spaghetti
(il mais impoverisce il terreno da seminare a grano)

L’è méi druché da ŗa fnèstra che dan si cùp
È meglio cadere dalla finestra che dal tetto



22 AGOSTO

Guài a dé iŗ bastöu du’cmònd a in gnurònt
Guai a lasciare il bastone del comando ad un ignorante



23 AGOSTO

Iŗ dòni murusàij i iöu sèt möu e na lèngua ma da mariàij ina möu e sèt lènguij
Le donne fidanzate hanno 7 mani ed una lingua, ma da sposate una mano e 7 lingue



24 AGOSTO

L’éua d’Zan Bartulumé la và mònc pi bèi da lavéss i pé
La pioggia di S. Bartolomeo non serve neanche più per lavarsi i piedi

San Tamlēii tìra żì la lużèrna dal camēii
A S. Bartolomeo tira giù dal camino la lanterna (perché si accorciano le giornate)



25 AGOSTO

I dulùr i söu cmé i sód: chi cu ià u sià tén
I dolori sono come i soldi: chi li ha se li tiene

L’è méi iéŝi in ràt tra trèi gàt che in malàvi tra dùi dutùr
È meglio essere un topo tra tre gatti che un malato tra due dottori



26 AGOSTO

L’è nènt cul cuss trà żì ch’il fa mà ma cul cuss trà atfóra
Non è ciò che si ingurgita che fa male ma ciò che si butta fuori a parole



27 AGOSTO

Iŗ pì böu di rùss la tràč su pàri antìl pùss
Il più buono dei rossi (di capelli o politicamente) ha buttato suo padre nel pozzo



28 AGOSTO

Naż a smangé cucadēii il vó riżié
Naso che prude qualcuno vuole bisticciare

U sarcēii l’è cmé iŗ ghēii: il vén ammà böu dòp clè mórt
L’avaro è come il maiale: torna utile solo da morto



29 AGOSTO

Chi cu tàrda a bité i dènč il purtarrà sì tič i parènt
Chi ritarda nel mettere i denti seppellirà tutti i parenti



30 AGOSTO

Amparé da giùu il vó dì savèi da véğ
Imparare da giovani vuol dire sapere da vecchi

In nemìss l’è ża tròp e sènt amìss in són nènta a basta
Un nemico è già troppo e cento amici non bastano



31 AGOSTO

L’óm l’è fač per travaié cmé l’ażu par vulé
L’uomo è fatto per lavorare come l’asino per volare

U Signùr l’ha in mulēii ch’il mòla adàżi ma fij
Il Signore ha un mulino che macina adagio ma fine

 

 
Banner

Forse non tutti sanno che....