Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Detti e proverbi I proverbi di Casal Cermelli - settembre

I proverbi di Casal Cermelli - settembre

E-mail Stampa

1 SETTEMBRE    

Bràij d’tèila e amlöu a Setèimber in són pì böu
Pantaloni di tela e meloni a settembre non sono più buoni



2 SETTEMBRE    

Iŗ dòni i röiu cmé chi póru e i ràgnu cmé chi vóru
Le donne ridono come possono e piangono come vogliono



3 SETTEMBRE    

Nènta tìti iŗ màci is làvu ancùl l’éua còuda
Non tutte le macchie si possono lavare con l’acqua calda



4 SETTEMBRE

L’ha dùi oğ cŗà smöia na vàca turìsa
Ha due occhi che sembra una vacca con malattia alle ovaie



5 SETTEMBRE    

Ant’ìss mónd u iè ammà dù bràv dòni: iéina i l’öu pardöia e l’òutra in póru nènt truvéla
Al mondo ci sono 2 sole brave donne: una l’hanno persa e l’altra non riescono trovarla



6 SETTEMBRE

 

 

Du dòni e in’óca i föu in mercà
Due donne e un’oca fanno un mercato



A tré vöia ŗa fióca e maŝé ŗa gènt i sùn tič travài fač inutilmènt
Buttar via la neve e ammazzare la gente sono due lavori fatti inutilmente



7 SETTEMBRE    

Iŗ dòni i söu cmé i bàbi: uss sà mài da che pàrt chi sòutu
Le donne sono come i rospi: non si sa mai da che parte saltano



8 SETTEMBRE    

Robalöster a ŗa matēii il farrà giré i mulēii
Arcobaleno alla mattina farà girare i mulini



9 SETTEMBRE    

An cùl pàri e an cùl padröu t’hai  dlónc tórt e mai rażöu
Con il padre e con il padrone hai sempre torto e mai ragione



10 SETTEMBRE    

Dai gràm pagatùr ogni sód a l’è böu
Dai cattivi pagatori ogni soldo è buono

Ŗa cusciènsa l’è cmé ŗa cù: chi cu la pórta dadnöu e chi cu la pórta dadréra
La coscienza è come la cote: c’è chi la mette davanti e chi la mette dietro



11 SETTEMBRE

 

Quònd cu tróuna da chi ca pàrt il pióv
Quando tuona piove da qualche parte

U Signùr ui fà nàŝi e pói ui cuböia
Il Signore li crea poi li accoppia


 

12 SETTEMBRE

Vìnchio, Vàij e Mumbarsé in són nènt da laŝé dré
Vinchio, Vaglio e Mombercelli sono tre paesi da uva buona (e quindi da non tralasciare)

 


 

13 SETTEMBRE    

Ŗa dòna l’è cmé na màchina: traschìrla e anvàrdij nènt
e na vóta o l’òutra at laŝarrà a pé

La donna è come l’auto: trascurala e non guardarla
e una volta o l’altra ti lascerà a piedi



14 SETTEMBRE    

A Sònta Cruż sapàta ŗa nuż
A S. Croce calpesta la noce

L’amùr nuvìss il và e il vén, iŗ véğ uss mantén
L’amore novello va e viene, quello vecchio si mantiene



15 SETTEMBRE    

Spèndi póc e pióvi piöu il cuióuna il paesöu
Spendere poco e pioggia fine fregano il paesano



16 SETTEMBRE    

Il vó fé vìghi che u Signùr a l’è mórt da ŗa fröč
Vuol far credere che Nostro Signore è morto di freddo

Il mariéss tra parènt, vìta chérta e gràn turmènt
Il matrimonio tra parenti porta ad una vita corta piena di tormenti



17 SETTEMBRE    

L’ażu d’trèi padröu l’è mórt da ŗa sèi
L’asino di tre padroni è morto di sete



18 SETTEMBRE    

L’è méi andé ancùn in crì che ancùn in patanì
È meglio andare con uno sprovveduto che con un nullatenente



19 SETTEMBRE    

Barbéra d’dùi àni e matòta d’ventàni
Barbera di due anni e ragazza di vent’anni



20 SETTEMBRE    

O flì o flé ogni d’ēii l’ha u sò amsté
O così o cosà ognuno ha il suo mestiere



21 SETTEMBRE    

Il và andé ancùn iēii cu n’àba pì che töi: par mà cla vàga ut na ciàma nēii
Bisogna andare con uno che ne abbia più di te: mal che vada non ti chiede prestiti

L’amùr un fa nènt bùij ŗa buiàca
L’amore non fa bollire la pentola



22 SETTEMBRE    

Arbiöu samnà a San Maurìŝi e t’navrài par tič i vìŝi
Piselli seminati a S. Maurizio ne avrai per ogni vizio



23 SETTEMBRE    

Pöu e nuż mangé da spuż, nuż e pöu mangé da cöu
Pane e noci mangiar da sposi, noci e pane mangiar da cane



24 SETTEMBRE    

Bró d’galéina e siròp d’cantéina a l’è ŗa méi amżéina
Brodo di gallina e sciroppo di cantina (vino) sono la miglior medicina



25 SETTEMBRE    

Vót’ètu a tič, nóv’ètu a chicadēii, in chìlu a mònc iēii
Otto etti a tutti, nove etti a qualcuno, un chilo a nessuno
(famoso motto coniato dalla bottegaia “Pipina ŗa Pula”)



26 SETTEMBRE    

In fèr an pé, in möu d’curté e na dòna ancruiàia i réżu na muntàgna
Un ferro in piedi, un mattone di taglio e una donna coricata reggono una montagna



27 SETTEMBRE    

Iŗ guadagné il mùstra a spèndi
Il guadagnare insegna a spendere

A l’è méi fé ancùn in brigònt che ancùn in gnurònt
È meglio aver a che fare con un brigante che con un ignorante



28 SETTEMBRE    

Cużēii tèrs cużēii pèrs
Cugini di terzo grado cugini persi



29 SETTEMBRE    

Sét vìghi iŗ rundanéini a San Micliēii l’invèrn un rìva fìna a Talēii
Se vedi le rondini a S. Michele l’inverno non arriva fino a Natale

San Miché samnadùr an pé
A S. Michele i seminatori sono all’opera



30 SETTEMBRE    

L’amùr e iŗ fó i vón tiŝà
L’amore e il fuoco vanno attizzati

 

 
Banner

Forse non tutti sanno che....