Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Detti e proverbi I proverbi di Casal Cermelli - ottobre

I proverbi di Casal Cermelli - ottobre

E-mail Stampa

1 OTTOBRE   

Ubżó bité dìl fèi anslà caŝéina
Bisogna mettere del fieno sulla cascina (occorre risparmiare)



2 OTTOBRE    

Ŗa vàca an su sò la bàta fìna iŗ bò
La vacca sul suo territorio sconfigge anche il bue



3 OTTOBRE    

In pèi u na mai fàč di pùm
Un pero non ha mai fatto mele

 



4 OTTOBRE    

Chi cl’arstùbia... l’arstùbia, ma arstùbia suèns et pèrdi ŗa smèns
Chi ristoppia... ristoppia, ma ristoppia sovente e perdi la semenza



5 OTTOBRE    

L’è in fanciòt fàč an cà
È un ragazzo genuino (fatto in casa)

L’amùr, ŗa fàm e ŗa tùss i sùn tre ròbi chi’s fón cugnöŝi
L’amore, la fame e la tosse sono tre cose che si fanno riconoscere



6 OTTOBRE    

Ŗa lévra a s’ciàpa nènt ancùl ŗa bumbardötta
La lepre non si prende con la bombardetta



7 OTTOBRE

 

Un tempo in questo giorno si svolgeva la processione in onore del S. Rosario guidata dai componenti della Confraternita del Santo Rosario, nata il 4 ottobre 1705.


Chi chil vó sté a ŗa còud d’invèrn cu sa scòuda da istà
Chi vuol stare al caldo d’inverno si scaldi d’estate (lavorando!)

8 OTTOBRE    

Smènsi an tu sìč: gröu dapartìt
Seminare nell’asciutto: grano dappertutto



9 OTTOBRE    

A samné tròp an fónd un vàr nènt an tìss mónd
Seminare troppo in fondo non serve in questo mondo

Éua par San Diunìgi par tìt l’invèrn éua a sìgi
Pioggia a S. Dionigi per tutto l’inverno acqua a secchiellate



10 OTTOBRE    

Chi cu dróba iŗ mòli l’armàn nènt barżà
Chi usa le molle del camino non si ustiona

Ad andé a drumì an cul chì cu smòngia u sà sà svìgia an cul dì cu spìŝa
Ad andare a dormire con il sedere che prude ci si sveglia con il dito puzzolente



11 OTTOBRE    

I barbìż in fón cröŝi nēii
I baffi non fan crescere nessuno

12 OTTOBRE    

Uss ciàpa pì mùschi ancùn l’amé che ancùn l’ażèi
Si prendono più mosche col miele che con l’aceto



13 OTTOBRE    

Chéta chéta cuss fa pröst a amnì grònd e prima ancùra a amnì véğ
Calma calma che si fa presto a diventare grandi e prima ancora ad invecchiare

Chi chil böta buchēii chil böta quatrēii
Chi vuol mettere bocca metta anche quattrini



14 OTTOBRE    

Scalöi l’ha pì córni che in sigiòt d’limàŝi
Quello lì ha più corna di un secchiello di lumache



15 OTTOBRE    

U iè nìn bél rósi ch’in finìŝu nènt ant’in gratachì
Non ci sono rose che non finiscano per essere bacche sfiorite di rosa canina



16 OTTOBRE    

Iŗ bèl màti is pórtu ŗa dòta a prèss
Le belle ragazze hanno la dote con loro



17 OTTOBRE    

L’è méi iéŝi ampicà che màl marià
È meglio essere impiccati che mal sposati



18 OTTOBRE    

Ŗa màri tròp angòmba la fà ŗa fìa bóuna a niente
La madre troppo in gamba fa la figlia buona a nulla



19 OTTOBRE    

Chi che bèi uss’ancaméina... l’ha ancùr tìt iŗ travài da fé
Chi bene si incammina... ha ancora tutto il lavoro da fare



20 OTTOBRE    

L’amnèstra lónga la sà d’fìm
La minestra lunga sa di fumo



21 OTTOBRE    

Da ŗa piònta uss cugnöss iŗ frìt
Dalla pianta si conosce il frutto



22 OTTOBRE    

Fió cìt fastìdi cìt, fió grònd fastìdi grònd
Figli piccoli pensieri piccoli, figli grandi pensieri grandi

L’óm sènsa sód l’è in’ónmbŗa cla spaŝìgia
L’uomo senza soldi è un’ombra che passeggia



23 OTTOBRE    

I fió i cìciu ŗa màri da cìt e iŗ pàri da grònd
I figli succhiano la madre da piccoli e il padre da grandi

U iè tònta calà cmé muntà
Ci sarà tanta discesa come salita



24 OTTOBRE    

Al dòni ca i ciàpa iŗ convulsiöu in bón rimédi l’è iŗ bastöu
Per le donne che danno in escandescenza un buon rimedio è il bastone



25 OTTOBRE    

Ventinóv cràvi e na dòna i fón trònta béstij
29 capre e una donna fanno 30 bestie

26 OTTOBRE    

L’è lùc par tredöss mèiss a l’àni
È matto per tredici mesi l’anno

27 OTTOBRE    

A pianté na vigna e fé na cà u tèmp cui và nēii ul sà
Per piantare una vigna e fare una casa nessuno sa quanto tempo ci andrà



28 OTTOBRE    

San Simunēii crispēii tacà iŗ camēii
A S. Simone il ventaglio vicino al camino (pronto per accendere il fuoco)

San Simöu va a s-ciapé i uataröu, e cla söia mòla o dìra, saméina ŗa tó cutìra
A S. Simone vai a rompere le zolle, e che sia bagnato o asciutto, procedi a seminare



29 OTTOBRE    

Pulènta e làč buìj: quàter sòut e t’hai digerì
Polenta e latte bollito: quattro salti e hai digerito



30 OTTOBRE    

Quònd che l’ażu un stralàŝa nènt ad bragé l’éua la stà par rivé
Quando l’asino non smette di ragliare l’acqua sta per arrivare



31 OTTOBRE    

L’è piaŝà cmé u dùdess da taròc
È piazzato come il 12 dei tarocchi (impiccato)

 
Banner

Forse non tutti sanno che....