Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Detti e proverbi I proverbi di Casal Cermelli - gennaio

I proverbi di Casal Cermelli - gennaio

E-mail Stampa

 

1 GENNAIO

Genàij il fa i pòunt e febràij ui rómp

Gennaio fa i ponti (di ghiaccio e neve) e febbraio li rompe

Pitòst che nènt, pitòst

Piuttosto di niente, meglio piuttosto

Dòp cui mór in pàpa... ui dà fóra dùi pòst: iēii da pàpa e l’òuter da cardinàl

Dopo la morte di un papa... si liberano due posti: uno da papa e l’altro da cardinale


2 GENNAIO

Né dòna, né tèira i vón stimà a u cér d’na candèira

 

Nè la donna nè la tela vanno valutate alla luce di una candela


3 GENNAIO

Fióca amnì ui na véna in chì

Neve fitta e fine ne viene tanta fino al sedere

A fé ŗa cuénta sènsa l’òst as fà du vóti

Fare i conti senza l’oste vuol dire rifarli


4 GENNAIO

Da invèrn i paŝaròt e iŗ ciùli is mìgiu

In inverno i passeri e gli stupidi si radunano

Dìm an cun chi’t vài e at dirró sét fài

Dimmi con chi vai e ti dirò cosa fai

 


5 GENNAIO

La tradizione voleva che in questa notte, in particolare allo scoccare della mezzanotte, gli animali della stalla acquisissero temporaneamente il dono della parola e, a seconda della bontà o meno del padrone, profetizzassero ottimi raccolti per l’annata. Ecco perché in questo giorno la “vóta” [razione serale] era particolarmente abbondante.

L’invèrn l’è nènt bużàrd: o cùss fa bunùra o cùss fa tàrd

L’inverno non è bugiardo: o viene presto o viene tardi

 

Quònd che ŗa necessità ŗa stìca l’ìss l’unestà ŗa sórta da ŗa fnèstra

Quando il bisogno è alla porta l’onestà esce dalla finestra


6 GENNAIO

Il dolce tipico dell’Epifania, in dialetto casalcermellese “Pasquötta”, è la classica TURTA DI AMARÖT [torta di amaretti]

A Pasquötta tùrta e lasàgna o tìt l’àn an sacàgna

All’Epifania torta e lasagna o sfortuna tutto l’anno

 

Da San Stévu a Pasquötta uss cugnöss ŗa strà du tèmp dl’anà

Da Santo Stefano all’Epifania si conosce il tempo di tutto l’anno

(12 giorni, ogni giorno corrisponde ad un mese)

 


7 GENNAIO

Mössi e pössi i n’àn pìŝu nin pònsi

Messe e pesci non riempiono pance

 

Dìr a dìr il fà brìta miràia

Duro con duro fa il muro instabile


8 GENNAIO

Méi avèi ant’in óğ in cavöi che in cavìğ

È meglio avere nell’occhio un capello che un punteruolo


9 GENNAIO

Par San Adriöu fióca al brìc e al piöu

Per S. Adriano nevica sulla vetta e anche in pianura


10 GENNAIO

Chi c’là da fé an cul masnà l’armàna an cul chì anmardà

Chi ha a che fare con i bambini rimane con il sedere sporco

 

Pì il màr l’è grònd pì grònda l’è ŗa tampèsta

Più il mare è grande più forte è la tempesta


11 GENNAIO

L’è pi facìl mariéss mà che mangé bèi

È più facile sposarsi male che mangiar bene


12 GENNAIO

Genàij sič: gröu a miğ

Gennaio senza pioggia grano in abbondanza


13 GENNAIO

Sét vói dìl bèll’àij piòntli a genàij

Se vuoi del bell’aglio piantalo a gennaio

 

Chi cu gióga pàr röij il pèrd pàr daböu

Chi gioca per ridere perde sul serio


14 GENNAIO

Bòti e pöu i föu iŗ cöu

Botte e pane fanno il cane

 

Bò lóng e cavà chért par pudèi fèini chént

Bue lungo e cavallo corto per poterne fare affidamento


15 GENNAIO

Sét vói vìvi söu e lèst mòngia póc e sèina pröst

Se vuoi vivere sano e lesto mangia poco e cena presto


16 GENNAIO

Làč e vij: tòŝi fij; vij e lač: tòŝi fač

Latte e vino veleno fino; vino e latte veleno fatto

 

Un bàst nènt amparé a lési e scrìvi par amparé a vivi

Non è sufficiente imparare a leggere e scrivere per imparare a vivere


17 GENNAIO

Per S. Antonio è tradizione mangiare la “AMNÈSTRA D’CASTÀGNI” [minestra di castagne]

Nelle giornate in cui si verificano abbondanti nevicate si puó far gustare ai bambini la FIÓCA AN CUL FUIACHĒII” [neve con lo stocco del mais]

Sant’Antóni neguŝiònt da fióca

S. Antonio negoziante di neve


18 GENNAIO

L’amnì a l’è in piònta vìgni

L’avvenire è come un pianta vigne (non se ne conoscono i programmi)


19 GENNAIO

Iŗ mà u rìva a lìbri e uss nan và ad ónŝi

Il male arriva a libbre e va via ad once

 

A chi c’un mór nènt antŗà chéina ui càpita dlónc curcóss

A chi non muore in culla gli capita sempre qualcosa


20 GENNAIO

Par S. Bastiöu ŗa viulötta an möu

Per S. Sebastiano la violetta in mano


21 GENNAIO

Dai quarònta an là o che t’hai mà cói, o che t’hai mà là

Dai quaranta in là o che hai male qua o la

 

Al cöu véğ ŗa vùlp ai pìscia a spàli

Al cane vecchio la volpe piscia addosso


22 GENNAIO

L’aptìt pì che ŗa sòuŝa u rènd bóuna ŗa pitònŝa

L’appetito rende buona la pietanza più che il condimento


23 GENNAIO

A cavaliér nuvìŝi cavà sènŝa vìŝi

Al cavalier novizio cavallo senza vizio


24 GENNAIO

Chi c’lè destinà a ŗa fùrca un néia nènt

Chi è destinato all’impiccagione non annega

 

Dòna ad fèsta, còmp an tèsta e prà par ŗa rusà in vón mài stimà

Donna agghindata, campo dalla testata e prato con la rugiada non van mai stimati


25 GENNAIO

Sant Antóni il fà i pòunt e San Pàulo ui rómp

Sant Antonio fa i ponti (di ghiaccio e neve) e San Paolo li rompe

 

Quònd c’uss vìg il Munvìs e su fió, tèmp sclènt a u dì a próv

Quando si vedono il Monviso e suo figlio, tempo limpido il giorno a seguire


26 GENNAIO

Da naŝì i söu tìč béi, da marià i söu tìč rìc e da mórt i éru tìč bràv

Da nati son tutti belli, da sposi sono tutti ricchi e da morti erano tutti bravi


27 GENNAIO

A l’amìss pèla iŗ fìc, al nemìss pèla iŗ pèrsu

All’amico pela il fico, al nemico pela la pesca

(la buccia del fico è ritenuta nociva, quella della pesca nutriente)


28 GENNAIO

Pröst andencià, pröst amparantà

Un bambino che mette presto i denti avrà presto un fratello

 

A mangé ŗa mulöia an gioventù uss arżöia ŗa crùsta da véğ

Mangiando la mollica da giovani si rosicchia la crosta da vecchi


29 GENNAIO

Gli ultimi tre giorni di gennaio sono detti “della merla” e considerati i più freddi dell’anno.

I nostri vecchi raccontavano che una merla (a quel tempo si diceva che i merli fossero bianchi), per proteggersi dal freddo pungente di fine gennaio, si annidò per tre giorni in un camino dal quale uscì solo il 1 febbraio completamente annerita dalla fuliggine. Solo da allora i merli sono diventati tutti neri.

Ŗa gàta cl’àva prèŝia l’ha fàč i gatēii bùrgn

La gatta frettolosa ha fatto i gattini cechi


30 GENNAIO

U nan sà pi in dùrdu an cà söua che in savì an cà d’iòuč

Ne sa più uno scemo in casa sua che un colto in casa d’altri


31 GENNAIO

Va, va Genaröu che t’hai finì d’fém slé i garöu

Va, va Gennaione che hai finito di farmi gelare i talloni

 
Banner

Forse non tutti sanno che....