Pro Loco di Casal Cermelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Prima pagina Detti e proverbi I proverbi di Casal Cermelli - febbraio

I proverbi di Casal Cermelli - febbraio

E-mail Stampa

1 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Se Sant’Urs ŗa pàia fa siué antl’invèrn andóma andré
Se a S. Orso la campagna è secca si prolunga l’inverno

Ancói an fighìra, admöu an sepultìra
Oggi in vetrina, domani sepolto


2 FEBBRAIO

Alla funzione della Madonna Candelora (anticamente detta “Madòna Sijuóra) venivano distribuite candele benedette. La sera dopo cena il capo famiglia ne accendeva una e faceva un segno della croce sui polsi di tutti i presenti, sulle porte, sulle finestre, sui letti, sulle mangiatoie e sui gioghi dei buoi nella convinzione di creare una barriera contro il maligno. Guai se la candela si spegneva nel frangente perché si diceva preannunciasse sventura. Alla fine, una volta spenta, veniva appesa accanto al Crocifisso di casa per essere accesa solo al capezzale dei moribondi.

Proverbio del giorno:
A ŗa Madòna Sijuóra da l’invèrn a sóma fóra: ma chìl pióva, o chìl fàŝa bél tèmp, par quarònta dì ai sóma ancùra andrènt
Alla Candelora dall’inverno siamo fuori: ma che piova o faccia bel tempo per quaranta giorni siamo ancora dentro


3 FEBBRAIO

Il giorno di S. Biagio è sempre stato considerato uno dei più freddi, tanto che era in uso il detto “A S. Biàğ iŗ prévi l’è slà ansl’auté” [A S. Biagio il prete è gelato sull’altare]. Nella messa in onore del santo il parroco benedice la gola dei fedeli con due candele incrociate (che in seguito vengono acquistate dai fedeli). S. Biagio come anche S. Agata e S. Antonio abate sono considerati tre santi portatori di neve.

Proverbi del giorno:
San Biàż salvémi gùla e nàż
S. Biagio salvatemi gola e naso

A San Biàż ŗa gùta au nàż
A S. Biagio la goccia al naso

Sant’Agata, Sant’Antóni e San Biàż neguŝiònt da fióca
S. Agata, S. Antonio e S. Biagio negozianti di neve


4 FEBBRAIO
Lun S. Giuseppe da Leonessa

Proverbio del giorno:
Ŗa vàca an su sò la bàta fìna al bò
La vacca in casa sua batte anche il bue

 


5 FEBBRAIO

A Carnevale, ovvero il giorno di martedì grasso, è tradizione mangiare a volontà per prepararsi al digiuno cristiano del Mercoledì delle Ceneri. Il Carnevale si è sempre festeggiato, oltre che col cibo, anche con giochi di gruppo per grandi e piccini e con gli immancabili falò e Businà. I classici dolci sono i “FARCIÓ” [frittelle] (vedi § 7.3.3), e le “GÀŜI” [bugie] (vedi § 7.3.5).
I giochi più comuni nei quali si cimentavano i grandi erano: l’albero della cuccagna (un palo ben levigato ed ingrassato sulla cui sommità venivano appesi torroni, salumi, ecc.), la corsa nei sacchi e la corsa a tre gambe dove ogni coppia di concorrenti ha una gamba legata a quella dell’altro. I più piccoli invece bendati e per mezzo di un bastone si cimentano ancor oggi nella rottura della pentolaccia, ripiena di caramelle e dolci.
La Businà è un’opera allegorica scritta interamente in dialetto che con allusioni, e senza nominare direttamente gli interessati, svela altarini e tradimenti coniugali prendendo in giro i malcapitati. Doveva essere obbligatoriamente approvata dal Sindaco e dal Maresciallo dei Carabinieri, si pensi alle passate difficoltà da parte di questo milite nel comprendere il nostro dialetto!
La sera perché sia di buon auspicio alle colture è obbligo bruciare il falò su cui è posizionato un “babàciu” [fantoccio]. Il fuoco acceso quando fa buio si accompagna da spari di fucile e da motti urlati beneauguranti quali: “Carvé il và, ŗa Pasqua la vén” [Carnevale va, Pasqua arriva], “Nadàl u sù, Carvé u tiŝöu a ioma in bél amsöu” [Natale il sole, Carnevale il tizzone abbiamo un’abbondante mietitura], “Carvé che ŗa pùla l’ha pòŝa cué” [Carnevale che la tacchina possa covare] mentre il più anziano rivolto al fuoco “Carvé il và, sl’è galant’om u riturnarrà” [Carnevale va se è galantuomo ritorna].
La sera, prima di allontanarsi, tutti i presenti si lasciano andare in una grassa e forzata risata beneaugurante che chiude i festeggiamenti del Carnevale. Dal giorno dopo infatti comincia la Quaresima che i Cristiani credenti vivono di preghiera e digiuni.

Proverbi del giorno:
Ŗa giurnà lónga: i Sònt im la pöiu e Sant’Agata am la rènd
I Santi portano via la giornata lunga e S. Agata la rende

Sant’Agötta ŗa fa cùri l’arianötta
S. Agata fa correre l’acqua nella roggia

L’éua d’Carvé l’ampìss i grané
La pioggia di Carnevale riempie i granai

L’amùr naŝì a Carvé il mór àntŗa Quarèisma
L’amore nato a Carnevale muore durante la Quaresima

U sù d’Carvé il pórta i véğ a stré
Il sole di Carnevale porta i vecchi al funerale

A fé Carvé da giùu uss finìss par fé Quarèisma da véğ
A far Carnevale da giovani si fa Quaresima da vecchi


6 FEBBRAIO

Il parroco durante la funzione segna la fronte dei fedeli con la cenere ammonendoli “Polvere sei e polvere ritornerai” (Gen 3:19 “Con il sudore del tuo volto mangerai il pane; finchè tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere tornerai!”). Essendo il primo giorno di Quaresima occorre digiunare e astenersi dalle carni: a Casal Cermelli si preparano i ceci per pranzo.

Proverbi del giorno:
Nòster Signùr il castìga tàrd ma il castìga làrg
Nostro Signore castiga tardi ma castiga largo

Tìti iŗ cà iöu ŗa só crùss
Tutte le case hanno la loro croce


7 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
Ŗa digestiöu as fa mèża an bùca
La digestione si fa mezza in bocca


8 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Ŗa màri at na dà, ŗa madràŝa at ciàma: “T’na vóri?”
La mamma te ne da, la matrigna ti chiede: “Ne vuoi?”

An cun nènt uss fà nènt
Con niente si fa niente


9 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
L’è méi dì: “Brìt andóma a sèina!” che “Bél sé ca mangióma?”
È meglio dire “Brutto andiamo a cena!”piuttosto che “Bello cosa mangiamo?”


10 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
L’è andàč mònż e l’è amnì bò
È andato manzo ed è tornato bue

I dutùr i söu cmé i bùrgn: i vöu a tastöu
I dottori sono come i ciechi: vanno a tastoni


11 FEBBRAIO

Alla sera si va in chiesa per la funzione e la successiva processione con le candele per le vie del paese. Al termine le candele si depositano ai piedi dell’altare della grotta dedicata a N.S. di Lourdes.

Proverbi del giorno:
Cuntadēii sarcēii un sarrà mai rìc
Il contadino avaro non sarà mai ricco

Tìč i lögn iöu ŗa só càmula
Tutti i legni hanno la loro tarma


12 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
An mancònsa di cavà ui tròta i’ażu
In mancanza di cavalli trottano gli asini

Tìč i mèiss uss fa ìna léina e tìč i dì uss na sà iéina
Tutti i mesi si fa una luna e tutti i giorni se ne impara una


13 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
A l’è méi in ażu vìv che in dutùr mórt
È meglio un asino vivo che un dottore morto

La vàr pì ŗa pràtica che ŗa gramàtica
Vale più la pratica che la teoria


14 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
San Valentēii tìč i vènt i söu marēii
A S. Valentino tutti i venti arrivano dal mare

San Valentēii ŗa Prìma l’è d’ausēii
A S. Valentino la primavera è vicina


15 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
Ŗa butéia ad cantöu la fa rìc qualùnque cuiöu
Il negozio nell’incrocio rende ricco qualunque coglione


16 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Ŗa ròba bèn tnöia l’è mèża vendöia
Le cose ben tenute sono mezze vendute

L’è l’utöu chìl fa u strumènt
Solo con un ottimo ottone nasce un buon strumento


17 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
I vóru tìč avèi rażöu anche cui chi söu an parżöu
Vogliono tutti aver ragione anche quelli in prigione

Ŗa vègia l’han vó mai murì pirchè a n’amprènda iéina tìč i dì
La vecchia non ha voglia di morire perché impara una cosa nuova tutti i giorni


18 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
Ŗa lèngua l’ha nēii òss ma a si ha fa rómpi
La lingua non ha ossa ma se le fa rompere


19 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Quònd che Bèrta l’è mariàia tìč i l’aurìvu
Quando Berta si è sposata tutti la volevano

Il plandröu uss cugnöss dantl’andèira
Il pelandrone si riconosce dall’andatura


20 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Set vóri vìvi e sté söu dai parènt stà luntöu
Se vuoi vivere e stare sano dai parenti stai lontano

Fé iŗ pàss secónd a ŗa gòmba
Fare il passo lungo come la gamba


21 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Ròba truvàia e nènt cunsgnàia, mèża rubàia
Roba trovata e non consegnata, mezza rubata

I sód i rìvu al pàss e i pàrtu al galòp
I soldi arrivano al passo e partono al galoppo


22 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
Iŗ dòni e i almanàc i vöu anmà bèi par in àn
Le donne e i calendari vanno bene solo per un anno


23 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
Dòp a Napuliöu mònc pì i pruvérbi i vénu böu
Dopo Napoleone nemmeno più i proverbi valgono


24 FEBBRAIO
Dom S. Mattia

Proverbio del giorno:
San Tatöia ŗa lódra la cröia
San Mattia l’allodola grida


25 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
Tič i lùc i sun savì quònd chi tażu
Tutti i matti sembrano sani di mente quando stanno zitti


26 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Tič i cöu i sbàtu ŗa cöua e tič i cuiöu i diżu ŗa söua
Tutti i cani muovono la coda e tutti i coglioni dicono la loro

Vàrti da ŗa vùlp, dal tàss e da ŗa dòna an cul chì bàss
Stai attendo alla volpe, al tasso e alla donna con il sedere basso


27 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
L’ażu us’antàia d’avèi pèrs ŗa cöua ammà quònd cui rìva il mùschi
L’asino si accorge di aver perso la coda solo quando arrivano le mosche

Quònd clè nóč i plandröu i gìru
Quando è notte i fannulloni vanno in giro


28 FEBBRAIO

Proverbi del giorno:
Böta dŗa ròba an tìn cantöu cla verrà ŗa sò stagiöu
Metti roba da parte che tornerà utile

Naż chil pónta a ŗa tèsta gràm cmé ŗa tempèsta,
naż chil pónta a ŗa bùca guai a chi cul tùca
Naso all’insù cattivo come la tempesta, naso all’ingiù guai a chi lo tocca


29 FEBBRAIO

Proverbio del giorno:
An tl’àn biżèst uss maröia tič i rèst
Nell’anno bisestile si sposano tutti gli avanzi

 
Banner

Forse non tutti sanno che....